Home

Voci dal Profondo Inferno al Cinema Teatro Lux di Quistello

Nessun commento concerto Eventi PROGETTI

Venerdì 25 gennaio alle ore 21, in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah, Daniele Goldoni presenterà presso il Cinema Teatro Lux di Quistello  lo spettacolo “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati”.

Sarà accompagnato da Flavio Spotti (percussioni) e Massimo Minotti (chitarra e laud).

Daniele Goldoni attraverso i canti dei deportati racconta la storia degli uomini che li hanno scritti, delle condizioni in cui hanno vissuto e troppo spesso sono morti. Storie dei ghetti, dei lager e del viaggio che le canzoni hanno compiuto attraverso l’Europa occupata spesso superando le barriere del filo spinato. Attraverso la musica e la narrazione emerge un racconto in cui la Storia è fatta di uomini, di vite e delle emozioni che arrivano direttamente a chi ascolta grazie alla traduzione in italiano dei testi delle canzoni.

Voci dal profondo inferno al Teatro Vittoria (Viadana)

Nessun commento concerto Eventi Laboratorio PROGETTI

Venerdì 25 gennaio, in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah, Daniele Goldoni presenterà a 300 studenti delle scuole medie e superiori di Viadana lo spettacolo “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati”.

Sarà accompagnato da Flavio Spotti (percussioni) e Massimo Minotti (chitarra e laud).

Voci dal profondo inferno. Canti e storie di deportati.

Nessun commento concerto Eventi Laboratorio PROGETTI

Il giorno 27 gennaio 2018, in occasione della Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah, uscirà il quinto album di Daniele Goldoni: “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati”. Il disco, prodotto da Massimo Minotti, è la registrazione dal vivo dell’omonimo spettacolo rappresentato un anno fa presso l’Auditorium di Muggiò. Questo album, scritto con la preziosa consulenza del Prof. Frediano Sessi e del Prof. Carlo Saletti, è frutto di un lavoro di ricerca storica sui canti dei deportati e della loro traduzione e adattamento in italiano.

Daniele Goldoni attraverso i canti dei deportati racconta la storia degli uomini che li hanno scritti, delle condizioni in cui hanno vissuto e troppo spesso sono morti. Storie dei ghetti, dei lager e del viaggio che le canzoni hanno compiuto attraverso l’Europa occupata spesso superando le barriere del filo spinato. Attraverso la musica e la narrazione emerge un racconto in cui la Storia è fatta di uomini, di vite e delle emozioni che arrivano direttamente a chi ascolta grazie alla traduzione in italiano dei testi delle canzoni.

Alcuni dei brani dello spettacolo vengono proposti ed eseguiti per la prima volta in italiano rendendo quest’opera ancora più preziosa e unica nel suo genere. Daniele Goldoni è accompagnato nel disco dall’Ensemble de la Paix: Marina Mammarella (viola, violino), Aldo Boccacci (clarinetti), Iuri Vallara (fisarmonica), Flavio Spotti (darbuka, dayereh, ghaval, tar, tamburo militare, zaeb), Agide Bandini (Contrabbasso). “L’intento – racconta Daniele Goldoni- è quello di sempre: raccontare storie di uomini poichè attraverso le loro vicende possiamo accorgerci di quanto poco abbia imparato la nostra società dal drama della Shoah e di quanto bisogno ci sia ancora di fare scelte coraggiose per costruire una società più giusta.”

Per questo motivo al disco è abbinato anche un laboratorio che si chiama “Adotta una storia” e che Goldoni presenterà nelle scolaresche nelle prossime settimane. Dice Goldoni: “L’idea è di raccontare ai ragazzi le storie e di cantare loro le canzoni dei deportati chiedendo agli studenti di “adottarne” una in modo che non vada perduta. Ai ragazzi starà poi la volontà e l’impegno di raccontare la storia che hanno scelto ad amici, famigliari, conoscenti, in modo da farla vivere ancora”.

Il laboratorio vedrà coinvolte 27 classi e 500 ragazzi dell’ITIS Enrico Fermi di Mantova e culminerà nel grande concerto di presentazione del disco press il Teatro Ariston il 29 gennaio. Gli altri appuntamenti di presentazione del disco saranno il 26 gennaio presso il Teatro Vittoria di Viadana, il 27 gennaio presso la biblioteca di Muggiò, il 28 gennaio presso la biblioteca di San Matteo delle Chiaviche e il 31 gennaio press oil Centro Giovani Federale di Parma. Il disco è in vendita direttamente sul sito www.danielegoldoni.it e contiene anche foto tratte dal reportage di Marco Brioni sui campi di sterminio nazisti. L’intero progetto Voci dal profondo inferno è stato promosso e sostenuto dalla Comunità Ebraica di Mantova, dalla Cooperativa Edificatrice di Muggiò e dalla Associazione Ars Educandi.

Voci dal profondo inferno presso la Biblioteca di San Matteo delle Chiaviche

Nessun commento concerto Eventi Laboratorio PROGETTI

Domenica 28 gennaio alle ore 17:15, in occasione della celebrazione della Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah, Daniele Goldoni presenterà il suo ultimo album “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati” presso la biblioteca di San Matteo delle Chiaviche.

Sarà accompagnato da Massimo Minotti (chitarra e laud).

Voci dal profondo inferno presso la biblioteca di Muggiò

Nessun commento concerto Eventi PROGETTI

Sabato 27 gennaio alle ore 16:00, in occasione della celebrazione della Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah,  Daniele Goldoni presenterà il suo ultimo album “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati” presso la biblioteca comunale di Muggiò.

Sarà accompagnato da Massimo Minotti (chitarra e laud).

L’evento è promosso dalla Cooperativa Edificatrice di Muggiò

“Adotta una storia” presso il Centro Giovani Federale (Parma)

Nessun commento concerto Eventi Laboratorio PROGETTI

In occasione della Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah Daniele Goldoni presenta presso il Centro Giovani Federale di Parma il laboratorio di sensibilizzazione “Adotta una storia”.

In questo percorso Daniele Goldoni incontrerà i giovani in un laboratorio che partendo dai dati storici arrivi a condividere attraverso il confronto coi ragazzi quali siano state le cause della Shoah su un piano antropologico e sociale per arrivare a renderci conto di quanto il germe di questo orrore sia ancora presente nella nostra società e nel nostro modo di vivere. L’impegno che i ragazzi si prendono con questo laboratorio è di adottare una storia e un canto tra quelli contenuti nell’ultimo disco di Daniele Goldoni “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati”. Una volta che ciascun ragazzo avrà adottato una storia sarà suo compito raccontarla a famigliari, compagni, amici affinché mediante la memoria si possa osservare la realtà di oggi consapevoli dell’impegno necessario per non cedere alla barbarie di una nuova Shoah.

Voci dal profondo inferno al Teatro Vittoria (Viadana)

Nessun commento concerto Eventi Laboratorio

Venerdì 26 gennaio, in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah, Daniele Goldoni presenterà a 300 studenti delle scuole medie e superiori di Viadana lo spettacolo “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati”.

Darà accompagnato da Flavio Spotti (percussioni) e Massimo Minotti (chitarra e laud).

Voci dal profondo inferno al Teatro Ariston (Mantova)

Nessun commento concerto Laboratorio PROGETTI

Lunedì 29 gennaio Daniele Goldoni presenterà il suo ultimo album “Voci dal profondo inferno, canti e storie di deportati” a 500 studenti dell’ITIS Enrico Fermi di Mantova.

Sarà accompagnato dall’Ensemble de la Paix: Marina Mammarella (viola, violino), Aldo Boccacci (clarinetti), Iuri Vallara (fisarmonica), Flavio Spotti (darbuka, dayereh, ghaval, tar, tamburo militare, zaeb), Agide Bandini (Contrabbasso); e da Massimo Minotti (laud).

L’iniziativa è patrocinata dalla Comunità Ebraica Mantovana.

Voci dal profondo dell’inferno

Nessun commento concerto Eventi PROGETTI

In occasione del giorno della memoria presso l’auditorium di Muggiò (MB) il 27 gennaio 2017 alle ore 21 andrà in scena “Voci dal profondo dell’inferno – canti e storie di deportati”.

Questo spettacolo di Daniele Goldoni, scritto con la consulenza del Prof. Frediano Sessi e del Prof. Carlo Saletti, è frutto di un lavoro di ricerca storica dei canti dei deportati e della loro traduzione e adattamento in italiano.

Attraverso le canzoni saranno raccontate le storie dei deportati che le hanno scritte e dei campi dove sono stati tenuti prigionieri in un percorso che racconta la Storia con le voci di chi l’ha subita.

Con Daniele Goldoni suonerà l’Ensemble de la Paix: Marina Mammarella (viola, violino), Aldo Boccacci (clarinetti), Iuri Vallara (fisarmonica), Flavio Spotti (darbuka, dayereh, ghaval, tar, tamburo militare, zaeb)

 

L’ingresso è libero.